Tracciare e misurare il buzz sui Social Media

31 03 2010
http://news.aaa-copywriter.it

TRACCIARE E MISURARE IL BUZZ SUI SOCIAL MEDIA

Social Media Marketing

L’obiettivo: tracciare e misurare le conversazioni sui social media.

Oggi ci occupiamo di social media marketing. E il marketing, vista i soldi in ballo, deve essere un’attività misurabile.

Ma ottenere i dati reali del ROI sui social media non è possibile. Quello che possiamo ottenere, invece, quale dimostrazione del successo (o del fallimento) della nostra azione di marketing è la verifica del rumore, del buzz nelle conversazioni online.

Diamo per scontato che la campagna sia stata condotta al meglio, ora bisogna verificare quante volte le informazioni messe in rete vengono riprese da terzi, da altri networker, blogger e membri di forum e di altre comunità.

Da una lunga list di opera disponibili su SlideShare, per illustrate il concetto vi propongo di leggere a fondo questa presentazione recentissima di David Berkowitz. Rende perfettamente il concetto ed è fatta molto bene.

Social Media Marketing

Ora, che strumenti dobbiamo usare per la nostra ricerca?

Siete pronti a pagare? Quasi tutti gli istituti di ricerche di mercato hanno messo a punto dei pacchetti di verifica per i loro clienti, ma la mia filosofia è di privilegiare i tool gratuiti, così eccovi la prima infornata. La lista è lunghissima e i generi sono un’infinità, perciò questa ricerca sarà in più parti, ciascuna dedicata ad un tipo specifico di applicazioni.

Social Media Marketing

Pare prima: tool per la verifica di siti Vi permettono di avere dazi dettagliati sul traffico e sulle visite di un’URL specifica e delle pagine che vi fanno capo. Per lo più sono motori di ricerca con molte funzioni aggiuntive rispetto a quelli che consultiamo abitualmente. In pratica, è un modo diverso di fare search marketing.

Alexa: Oltre a fornire i risultati delle ricerche, permette di ottener il traffico comparativo tra più siti, compresi il valore stimato, una classifica e il numero di pagine visualizzate.

Compete: Fornisce rapporti comparativi tra più siti concorrenti. Compete PRO Search Analytics porta il search marketing in piena vista, distinguendo tra trend a pagamento o naturali, dati di rifermeno storici, e possibilità ddi filtrare i risutati che permettono di concentrare l’attenzione sulle parole chiave e sui dati di traffico più rilevanti.

Estimix: Combinado risorse diponibili online, usa mtodi matematici e statistici per stimare il numero di visitatori unici e delle pagine visualizzate nel giorno medio. Da questoattribuisce un valore a ciascun sito.

MazeCore | Monitor: Un tool SEO tool per i siti Web. Fornisce la posizione di ciascun sito nelle SERP, la sua classifica e il tempo di attivazione.

PageRank Checker: Poteva mancare? Vi da il Google PageRank di ogni pagina che gli sottoporrete.

Quantcast: Permette di comparare più siti Web incon un comodo grafico. Fornisce solo la stima delle visite mendili ed è da usare con siti ad alto volume di traffico.

Social Website Analyzer: immettete la vosta URL e verificerà per voi la presenza del sito sui social media.

Socialmeter: Socialmeter scansiona i principali social media per verificare la polpolarità “sociale” di una data pagina Web. È un proglramma vecchiotto: verifica Delicious, Digg, Furl, Google, Jots, Linkroll, Netscape, Reddit, Shadows, Spurl, Technorati e Yahoo! My Web. Diversi di quei siti non esistono più e questo altera i risutati della ricerca.

Surcentro:SurCentro è un serizio di statistice e èperi dati di accesso ad un sito. Per ottenre infomazioni su quasiasi pagina nel Web.

Annunci




12 Social Media Marketing Myths

30 03 2010
by pamorama.net

For brands, resistance to social media is futile. Millions of people create content for the social Web on a daily basis. Your customers have been using it for a long time. Your competitors have embraced it. If your business isn’t putting itself out there, it should be.

But there are some recurring fallacies and misconceptions out there. Many companies are finding that these tools don’t live up to the hype, especially small businesses. There are a lot of challenges that aren’t immediately apparent. Are you considering Twitter, Facebook, et al as part of your marketing plan? Before you jump in, keep these myths in mind:

  1. Social media is cheap or free. Yes, many social media tools are free to use, including Facebook, YouTube, Flickr, the social network building tool Ning, and content aggregators like StumbleUpon and Digg. There are many free blogging tools, too, like WordPress, Blogger, FriendFeed, and Twitter. But incorporating them into a corporate marketing program requires time, skill, and money.
  2. You can make a big splash really quickly. Sure, sometimes this happens. Social media is great if you’re already a star, but there really isn’t any such thing as an overnight sensation. For example, tweets can drive traffic to articles, Web sites, Facebook pages, contests, apps, videos, etc. — this is easier if your audience already cares about your brand or if you have a truly original product or idea that excites people to the extent that they want to share with their friends. But it takes a lot of time and dedication to keep your content fresh.
  3. You need to be on all the big sites. Most brands that have succeeded with social media sites generally focus on just a few of them. Just because the media says it’s cool to tweet doesn’t mean it has anything to do with your business. If you plan to frequent social networks, don’t spread yourself too thin. The companies that choose their weapons wisely and give it their all are the ones that succeed in the social space.
  4. If you create something that’s great, people will find it. How’s that supposed to happen? Unless you can drive traffic to your social media effort, it’s akin to a tree falling in the woods with no one around to hear it. Many tools can drive traffic, including Twitter, Digg, StumbleUpon, blogs, and SEO, but word of mouth trumps them all  — one friend telling another, “Hey, check this out!” is very powerful.
  5. It’s for kids. Contrary to the perception that social media is for tweens, teens, and 20-somethings, older demographics are rapidly evolving into this space. According to analysis by iStrategyLabs, Facebook experienced 276% growth in users aged 35-54 in 2009 and is its fastest growing segment.
  6. You can’t build quality relationships online. The thinking on this goes that it’s a waste of time connect with people online that you don’t know in real life — that it’s a pointless exercise that doesn’t lead to lasting relationships with your brand. It’s actually quite the opposite: Social media enables you to be face to face with your target audience. Even if they don’t turn into paying customers, you still gain valuable insight into what they think and what they react to.
  7. It gives away content and ideas you should be charging for. Simply put: The more you give, the more you receive in social media. You need to let go of the idea that all the content you produce is is proprietary, engage with your audience, and encourage them to share what you’ve created.
  8. It’s a fad. The drumbeat about social media has become deafening. Yet many marketers remain skeptical, hesitating to expand budgets and expend resources on a craze. But social media is a fundamental shift in communication — it isn’t just a new set of tools, but a new sphere of networking, communicating, living, and organizing. It has become intertwined in our lifestyles, so it’s here to stay.
  9. Anyone can do it. It sure sounds that way, doesn’t it? There are a lot of people, from whiz kids to more experienced marketers, who claim to be social media experts. Some even portray themselves as gurus. But how many of them have created successful social media initiatives for clients? To be effective, a campaign must integrate social elements into all aspects of marketing, including advertising, digital, and PR. Theory is no match for experience, and the best social media marketers now have years of experience incorporating interactivity, forums, viral video, apps, social networks, blogs, user-generated content, and contests into the marketing mix.
  10. It’s a cure-all. While social media is a great tool for online reputation management, it’s not a panacea. Don’t get so wrapped up in the concept of of the social Web that you ignore the other problems with your marketing strategy. Social media is another in a long list of tools you should leverage for brand messaging.
  11. You can do it all in-house. You need strategy, tools, contacts, and experience — a mixture not usually found in in-house teams, who are often tempted to use the wrong tools or to reinvent the wheel… which leads to (you guessed it) lousy results. How many in-house teams have the expertise to conceive and implement a social media campaign AND drive traffic to it via blog advertising, SEO, Twitter, etc.?
  12. Social marketing results can’t be measured. There are a variety of methods and tools you can use for this; I’ve covered some of them here and here, and more become available every day. You can monitor blog comments, mentions in the media, traffic stats, Facebook fans, Twitter followers, comments on your content, real-time blog advertising results, click-throughs to your Web site. The tools are out there, and the number of people who know how to aggregate and interpret the data is growing.




Social Media Marketing, roba seria: 5 segreti per il 2010

29 03 2010
by Andrea Cappello

social media marketing

Ad ogni evento o convegno che frequento noto che si parla volentieri di Social Media Marketing. Noto anche che molte agenzie stanno correndo per offrire servizi su tali canali alle PMI, promettendo spesso risultati eclatanti in cambio di qualche migliaia di euro di investimento.

Come mai allora i clienti di tale agenzie spesso rimangono delusi da tali campagne o attività di promozione?

Prima di rispondere a tale domande mi piace esporre tradotti (e reinterpretati) i 5 Segreti per il 2010 sui Social Media (by slideshere newsletter):

Social media ha fatto una grande corsa nel 2009. La stampa mainstream si innamorò di Twitter, Facebook è cresciuto in modo aggressivo e una nuova ondata di società ha cominciato a prendere sul serio i social media come strumento di lavoro.

Qui di seguito i segreti per stare al top nel 2010:

1. Prestare attenzione alla metrica
Non si può gestire ciò che non si può misurare. Chief Marketing Officer devono prestare maggiore attenzione alle metriche nei mezzi di comunicazione dei social media correlandole più direttamente agli obiettivi di business globale.

2. Scale Good Habits
Quando si cresce, assicuratevi di avere struttura, politica e linee guida per la dimensione dell’organizzazione. Ciò che funziona con 2 persone non funziona con 20 persone. Tutto sommato la struttura dovrebbe incoraggiare le buone abitudini. L’intero team deve essere motivato a rispondere in modo rapido, postare in modo coerente e parlare come un essere umano. Parlando delle politiche e delle regole …

3. Avere regole, ma dare fiducia della gente
Con la maturazione delle strategie di social media, si aggiungono più regole e linee guida. Tuttavia, non si può avere una regola per ogni situazione. Avete bisogno di fiducia verso il vostro team. Lead by example, don’t manage with rulebook.

4. Creatività e personalità Trump Big Bilancio
Nei Social Media non vince sempre chi ha o investe più soldi. Due degli ingredienti più potenti dei mezzi di comunicazione sociale sono la creatività e la personalità. Essi sono la chiave per avere un messaggio virale e ad essere una elemento per creare fiducia. They are also essential to discovering useful strategies and tactics. You can’t be afraid to try something new or go against the grain.

5. Ascolta Ascolta Ascolta
Non far fuoco così tanto su di te e i tuoi messaggi. Mettiti più in basso sul tuo To Do List. Riguarda in primo luogo i toui clienti. Senti quello che dicono, vedi cosa stanno facendo. Hear what they are saying, see what they’re up to. Once you’ve been able to connect, and figure them out, then see how you can help.

Se ci soffermiamo su questi semplici “segreti” abbiamo ben chiaro ora il perchè vendere Social Media “a pacchetto” non serve se non a far guadagnare qualche soldo a chi li propone. Avere “staticamente” una pagina o un profilo su Facebook non porta ad alcun risultato utile apprezzabile. Le campagne advertising nei social media sono altra cosa rispetto alla gestione delle relazioni e della comunicazione bidirezionale con i propri utenti e clienti. E prevedono oltre ai soldi anche presenza attiva di personale aziendale che deve essere preparato ad ascoltare, rispondere e dilogare conoscendo bene la filosofia e le regole della propria azienda, dei suoi concorrenti e del mercato in cui opera. Certamente quindi non roba da stagista o da consulente a giornata…

In fondo i segreti per il 2010 per una Social Media Presence di successo passano al solito solo da un solo segreto che vale anche per tutti gli altri servizi che le SEM Agency propongono: “Attenzione gente: Re Mida è una leggenda!”





We’re Addicted to Social Networks: 48% of Us Check Them in Bed

25 03 2010
pamorama.net

If you had any doubt about the extent to which Facebook, Twitter, and other social platforms have taken over people’s lives, stats like these should help put them to rest.

A recent study by Retrevo surveyed just over 1000 Americans and asked questions such as when, where, and how much time they spend on sites and services like Facebook and Twitter. It turns out that many of us are obsessed, checking in with our social circles at all times of the day and night.

We check social media sites all night long…

Not only do we check Facebook and Twitter throughout the day, almost half of the respondents said they check in on the social media scene in bed, during the night, or as soon as they wake up in the morning. And no big surprise here: users under the age of 25 tweet more at night than older users.

gadgetology Retrevo SM Addiction Sl Were Addicted to Social Networks: 48% of Us Check Them in Bed gadgetology retrevo morning twitter Were Addicted to Social Networks: 48% of Us Check Them in Bed

… and first thing in the morning (especially iPhone users)

Half of social media users are so involved with Facebook and Twitter that they check the sites first thing in the morning — 16% say this is how they get their morning “news”.

iPhone owners use Facebook and Twitter more often and in more places: 28% of iPhone owners visit Twitter or Facebook before getting out of bed in the morning, compared with just 18% of all social media consumers under age 25 and 8% of those age 25+. Similarly, 26% of iPhone owners check in with Twitter or Facebook before turning on the TV, compared with 17% each of all social media consumers.

gadgetology retrevo SocialMedia New Were Addicted to Social Networks: 48% of Us Check Them in Bed gadgetology Retrevo Check SM In Mor Were Addicted to Social Networks: 48% of Us Check Them in Bed

Over half of us check Facebook at least once a day

More evidence that social media can be habit-forming: 56% of social media users say they need to check Facebook at least once a day, and 12% check in every couple of hours just to see what’s happening.

gadgetology Retrevo Check SM Freque Were Addicted to Social Networks: 48% of Us Check Them in Bed

And many of us don’t mind being interrupted by text messages

Consumers were also asked how they felt about being interrupted at various times by electronic (including text) messages: 40% said they didn’t mind being interrupted for a message, 32% said interruption during a meal was fine, and 7% said they would even check out a message during an intimate moment.

gadgetology Retrevo Check SM Where  Were Addicted to Social Networks: 48% of Us Check Them in Bed





Fattori per una Fanpage di successo su Facebook

24 03 2010
by Andrea Cappello

La fanpage di facebook è uno dei maggiori misteri per le aziende. Tutti ce l’anno ma nessuno lo sa, e soprattutto nessuno sa cosa farsene. Per le aziende B2C o bal brand noto però si può impostare una fan page partendo da quello che si aspettano i fans (ma va?). Attingiamo ancora una volta i dati da eMarketer :

social media markerting

La maggior parte dei fans si aspetta soprattutto di avere vantaggi economici, infomazioni su novità, e dimostre al mondo il loro amore per il marchio.

I fans sono innanzitutto gia i clienti delle aziende. Il ruolo della fanpage è quindi  essere uno strumento di fidelizzazione. E soprattutto, per un cliente fidelizzato e soddisfatto da ciò che propone la sua fanpage preferita (spesso quiz o giochi), un’occasione di passaparola verso gli amici.

Ricavati dall’analisi dei dati sopraesposti, ecco quindi alcuni semplici ingredienti per una fanpage di successo:

  • dare in anteprima informazioni su nuovi prodotti e servizi
  • offrire benefici economici ai fans in termini di sconti o opportunità (magari periodici e temporalizzati)
  • stimolare azioni virali, come far divertire per qualche secondo con un quiz o un gioco che si rinnovi periodicamente e che stimoli i fans a segnalarlo agli amici
  • “contenere qualche stategia” per fare in modo che l’utente lasci anche i suoi dati su cui fare azioni dirette di comunicazione (la più classica regalare un ebook)
  • non fare spot o adottare una comunicazione troppo persuasiva (i fans sono gia clienti, non sconosciuti)




Social Marketing Compass

23 03 2010





SEO vs SMO: dal “Search Engine” alla “Social Media” Optimization

22 03 2010

“Che tu sia un marchio, un editore, un designer, un fotografo, un artista o un regista, il social web è il tuo prossimo canale di distribuzione, oltre che il tuo mezzo per aggiudicarti il favore dei critici.
Sia che tu sia nel ramo della creazione, distribuzione, promozione o vendita, il Social Web è un mezzo incredibile che può creare un brand, portare visibilità, incrementare la domanda, e tutto senza promozione attiva. Basta lasciare che il mercato lavori da solo attraverso la pratica della condivisione dei contenuti, che aiuta a rendere i contenuti più visibili quando la gente cerca qualcosa.

Questo suona familiare no? Sembra essere lo stesso proposito di tutti i SEO, quello di ottimizzare un sito web, o un altro prodotto, affinché sia trovato più facilmente attraverso i motori di ricerca.

Tuttavia le tecniche per promuovere un contenuto attraverso i Social Media non sono le stesse usate per l’ottimizzazione sui motori di ricerca, ed è invece qui, su Facebook, su Twitter, su LinkedIn, su MySpace, su YouTube, che le persone stanno passando sempre più il loro tempo. E in questi “luoghi” le persone trovano contenuti interessanti e li condividono con i loro amici: così funziona la “pubblicità” sui Social Media.
Quindi oggi abbiamo un novo campo di specializzazione, il Social Media Optimization (SMO), ovvero l’ottimizzazione dei nostri contenuti sui Social Media al fine di renderli più visibili e appetibili. Secondo un recente studio di Nielsen, i siti come Wikipedia, i blog, e i social network sono nel 18% dei casi il posto dove partono le ricerche, e siamo solo all’inizio: secondo Nielsen “I Social Media diventeranno il canale preferenziale di tutte le ricerche”.
Al centro di ogni strategia di successo nei Social Networks ci sono i Social Objects (immagini, video su YouTube, post sui blog, commenti, messaggi di stato su Facebook) e tutto quello che può rappresentare un motivo per iniziare una conversazione online. Quindi l’obiettivo dell’ottimizzazione dei Social Objects (SMO) è quello di spingerne la visibilità per raggiungere le persone che stanno cercando approfondimenti e informazioni riguardo a quell’argomento.
La Social Media Optimization è quindi definita dalla distribuzione dei Social Objects e dalla loro capacità di risultare al top di ogni ricerca fatta su un argomento correlato, ovunque essa sia fatta.
In pratica rispetto al SEO, che lavorava principalmente sui contenuti testuali di un sito, su quelli che abbiamo definito fattori esterni ed interni al sito, il SMO lavora in maniera più diffusa, utilizzando i Social Network più diffusi pubblicando su di essi contenuti specifici, una volta testo, una volta video, una volta immagini… e ogni volta con il giusto tono, relativo allo specifico Network.
Il vantaggio rispetto al normale posizionamento è che, se i social objects sono fatti bene, innescano una reazione a catena che aggiunge visibilità praticamente senza che noi facciamo altro, ma solo grazie alla condivisione, al tam tam nella rete”.

FONTE: http://www.briansolis.com