Social Media Success: Are We There Yet?

31 05 2010
by blog.sysomos.com

If the social media world is guilty of anything, it’s how success stories are celebrated…and then celebrated some more.

http://scorfano.files.wordpress.com/2009/06/connessi-e-sconnessi1.jpg

Whether it’s Starbucks, Dell, Naked Pizza, Blendtec or Comcast, companies that hit the social media jackpot are repeatedly cited to illustrate the potential of social media. While social media can be an effective communications, marketing and sales tool, mega-success is an anomaly. As well, success – however you define it – rarely happens overnight.

The problem with the ultra-success stories that are an integral part of many presentations is they set false or misleading expectations. Many companies getting into social media expect that social media success will happen quickly, and that their social media campaigns will resonate with a large number of people.

Even though you try to make people realistic about what’s possible, many people expect instant and significant results. In many ways, it reminds me of family car trips when children repeatedly ask “Are we there yet?”, despite the fact there are still hundreds of miles left to go.

The reality is social media “success” takes time and effort. It can take months of sustained effort to see tangible results. This requires patience and a willingness to keep going even when it appears things aren’t going as well as expected. It also means resisting the urge to give up – something many companies do rather than tough it out.

Here are some tips on obtaining social media success:

1. Have a plan of attack. Before getting into social media, it’s important to know what you’re going to do and what success looks like.

2. Be tactical. Doing social media well means being clear on who’s going to be running social media programs and campaigns, the rules of engagement and best practices. This will provide a “playbook” to effectively operate social media on a day-in-day-out basis, as opposed to having a scattered approach.

3. Monitor and measure. No plan is perfect so monitoring social media activity and measuring what’s happening against pre-defined goals provide valuable insight into whether the strategic and tactical plans are working, or whether they need to be tweaked or overhauled.

At the end of the day, social media success doesn’t have to be about the number of Twitter followers, Facebook “Likes”, blog comments or YouTube views. Success is really about being engaged with your target audience, whether they’re customers, potential customers, employees, partners, suppliers or investors.

Most important, success takes time and effort. Even then, it may not be as sexy as what Starbucks or Naked Pizza are doing but that’s okay.

Annunci




Facebook semplifica le impostazioni di privacy

28 05 2010

By vincos.it

Zuckerberg ha appena annunciato che sta iniziando il roll out di nuove modifiche che renderanno più semplici e chiare le impostazioni di privacy.

facebook-new-privacy

– viene semplificato il controllo sugli status update. Si potrà scegliere tra: tutti, amici, amici degli amici o un particolare contatto (in pratica viene tolta l’opzione “amici e network”). Tale impostazione viene applicata anche ai futuri prodotti che verranno lanciati.

– viene ridotto il numero di informazioni di base visibili a chiunque e si introduce la possibilità di decidere a chi mostrare la lista dei propri amici e delle pagine preferite con i like (finora pubbliche).

– viene semplificato il controllo sulle applicazioni utilizzate e sui siti cui si è avuto accesso, tramite il login di facebook. Per esempio sarà possibile non far vedere a quali applicazioni si gioca. Si potrà anche scegliere la via più drastica di “spegnere” la piattaforma applicativa.

– l’istant personalization rimane opt-out, ma sarà più immediato non permettere ai siti partner di utilizzarla. In ogni caso questi siti potranno accedere solo alle informazioni che si è deciso di rendere visibili a tutti.





Where in the World are iPhone and Android Devices?

26 05 2010

By Christina Warrenmashable.com

Mobile advertising network AdMob has released its mobile metrics report for April 2010, which takes a closer look at the geographic distribution of unique iPhone and Android devices. The report also looks at the ratio of iPhone OS and Android devices overall, and in specific geographical locations.

While Android is gaining lots of momentum, as posited by both the number of increased ad-requests and by sales estimates, the report highlights that AndroidAndroid is still largely concentrated in North America. The iPhone, in comparison, has a broader global reach.

Looking at the data broken down by geographic location, AdMob is seeing that 75% of unique Android devices are located in North America. Asia is next with 12%, and then Western Europe with 11%. The iPhone, conversely has 49% of its unique devices in North America, 28% in Western Europe and 14% in Asia.

This data gets more interesting when broken down by country. While the iPhone is growing tremendously in Asia and is a big hit in Japan, Android is already winning in China. According to AdMob, China had the second greatest number of unique Android devices (after the U.S.), and there are more Android devices than iPhones in China as of April 2010.


The Importance of the iPod Touch and the iPad


Android is quickly gaining on the iPhone in the U.S. — when just comparing phones, AdMob’s network measures 8.7 million unique Android devices to 10.7 million iPhone devices in the United States. However, when you add in non-phones running the iPhone OS, like the iPod touch or the iPad, that number becomes 18.3 million versus 8.7 million.

Worldwide, this trend continues. According to AdMob, there are 11.6 million unique Android OS devices and 27.4 million unique iPhone devices across the globe. However, add in iPhone OS devices like the iPod touch and iPad, and the iPhone OS number jumps to 40.8 million worldwide.

As we start to see more Android devices that aren’t primarily sold as phones — the Dell Streak, for example — this will be an interesting space to watch.

The importance of non-phone devices is twofold. First, non-phone devices run almost all of the same software that the phone counterparts run, thus adding to the overall marketshare for the respective platforms. Second, users who have one type of device and have already invested in applications for that device are more likely to want to move to a corresponding device for either a cellphone or for a tablet.

Conversely, an Android owner who has a Nexus One or Droid Incredible may be less likely to get an iPad and more interested in looking at Android-based solutions, including the Dell Streak, because of the cross-compatibility of applications.


Geography Matters


This report highlights one of the greatest areas of opportunity for Android (and GoogleGoogle) as a platform: Europe. Android is taking off in the U.S., but the U.S. is only part of the picture. iPhone adoption is growing faster in Europe and Asia than it is in North America; this is to be expected as the market becomes more saturated and more competitors enter the ring.

While Android may chip away at — and perhaps even surpass — iPhone sales in the U.S., the platform still needs to focus on other parts of the world. Apple, RIM and Nokia have had a multi-year headstart in getting more international traction and this is an area that Google needs to really zero in on.

Microsoft, which is on the verge of basically re-launching its mobile platform, also needs to make sure it focuses in the international market. The space is more crowded, but the userbase is also larger. There are plenty of opportunities for multiple players to have great success.





Lo stato di LinkedIn in Italia e nel mondo

25 05 2010
By www.vincos.it

LinkedIn, il più famoso social network professionale fu lanciato esattamente 7 anni fa. Ho provato ad approfondire il suo reale impatto estrapolando i dati disponibili e inserendoli in questa infografica.

the-state-of-linkedin-small

LinkedIn ha quasi 69 milioni di utenti sparsi in 200 nazioni. U.S.A., India e U.K sono quelle col maggior numero di membri. L’Olanda mostra il maggiore tasso di adozione al di fuori degli Stati Uniti.

Gli uomini (61%) superano di gran lunga le donne e il 51% degli utenti ha un’età compresa tra i 25 e i 34 anni. I settori più rappresentati risultano essere l’hi-tech (16%), la finanza (12%) e la manifattura (10%), mentre i lavori più citati sono quelli relativi all’ingegneria (15%), alle vendite (11%), all’amministrazione (9%).

Gli italiani su Linkedin sono quasi 1 milione, in prevalenza nella fascia 25-34 (60%) e uomini (62%). Anche nel nostro paese i settori con più addetti sono l’hi tech (22%), la manifattura (14%) e la finanza (10%), mentre i ruoli più presenti sono quelli ingegneristici.





Esiste una dicotomia tra mktg convenzionale e non?

24 05 2010
Di Carlo Mazzocco

My Marketing.net ha recentemente pubblicato un breve resoconto sulle tematiche affrontate durante il workshop relativo all’area marketing e commerciale presente nel programma del Top Management Forum, organizzato da Knowita.

Alcuni interventi si sono focalizzati sul superamento della “falsa dicotomia tra marketing tradizionale e marketing non convenzionale”. Su tale punto è intervenuto Mirko Lalli (Fondazione Sistema Toscana), per tracciare l’evoluzione del mercato da 1.0 a 2.0. Il web è ormai entrato a pieno diritto nelle strategie di marketing: è notizia di questi giorni che Facebook ha appena superato i 350 milioni di utenti al mondo. Il mercato 2.0 richiede un tipo di impresa che risponda alle esigenze di un cliente attivo, informato, consapevole. Per far questo si deve ricorrere ad un marketing 2.0: personalizzato, conveniente, persistente. Come afferma Alex Giordano (Ninjamarketing): “esiste un solo tipo di marketing: quello che funziona”.

Personalmente mi ritengo d’accordo con quanto sopra: penso sia necessario adottare un approccio integrato al marketing aziendale e considerare le campagne basate sui social media come assimilabili a quelle “classiche” (in termini di risorse dedicate). I due approcci si possono considerare come due “facce” della stessa medaglia: complementari e che si rafforzano a vicenda.

Uno spunto molto interessante di strategia da applicare nella creazione di un piano di Social Media Marketing mi arriva dal Doctor Brand e da un suo articolo. Ecco i passi che vengono proposti:

https://i2.wp.com/www.gozzinet.net/wp-content/facebook-artikel.jpg

Analizza
  • Fai un’analisi interna/esterna per definire concorrenza e mercato.
  • Definisci ipotesi commerciali e di business.
  • Stabilisci obiettivi tattici/strategici


Impara

  • Utilizza in prima persona e fai utilizzare al management gli strumenti del social media mix.
  • Impara dalle best practices.
  • Monitora le tendenze e studia le ricerche.
  • Affidati e fatti affiancare da consulenti professionisti.


Pianifica

  • Definisci una SWOT.
  • Individua identità, ruolo e tone of voice.
  • Individua il posizionamento.
  • Stabilisci il tuo pubblico.
  • Stabilisci il social media mix.
  • Pianifica presenza, contenuti e modalità di contatto.
  • Stima i risultati attesi e mix alternativi
Ascolta
  • Analizza la tua reputazione.
  • Informati sulle fonti attendibili: blog, forum, social.
  • Segui gli opinion maker, le nicchie della coda lunga e gli influencer
Partecipa
  • Intervieni nella conversazione.
  • Porta valore alla community.
  • Coinvolgi con azioni di PR on/offline.
  • Genera engagement ed esperienza.
  • Offri dei buoni motivi per diffondere passaparola positivo su di te
Misura
  • Imposta misurazioni chiare e facilmente rilevabili.
  • Verifica con indicatori qualitativi e quantitativi.
  • Scegli una metrica e calcola il ROI dell’investimento
Reagisci
  • Gestisci critiche, crisi e commenti negativi.
  • Cerca di essere presente e veloce nelle risposte.
  • Impara dagli errori.




Social Media Week – Come sfruttare al massimo il tuo profilo su Twitter

21 05 2010
di Pandemazio Kuranosuke

Molti di voi hanno già dimestichezza con Twitter, altri sono invece dei novellini; però forse c’è qualcuno di voi veterano o newbie che sia, come direbbero quelli che parlano 2.0, che si chiede come può fare a rendere il suo profilo su Twitter famoso come di quello di Lady Gaga o dell’onnipresente Ashton Kutcher.

Ecco perché abbiamo deciso durante la Social Media Week di spiegarvi come fare.

1. Scrivete una grandiosa Biografia

Avete a disposizione 160 caratteri per scrivere qualcosa di voi. Usateli tutti o almeno fate in modo di sfruttare quanti più possibili.
Non bisogna sottovalutare l’importanza di una biografia. Oltre a voi stessei e probabilmente alla vostra madre non tutto il mondo sa che razza di fenomeno siete.
Il box dove apparirà la vostra breve ma intensa biografia è una delle cose che potrà fare in modo che chiunque acceda sul vostro profilo abbia la sensazione che valga la pena seguirvi.

Cosa fondamentale poi è il vostro nome di battesimo, scriverlo aiuterà chi vi cerca a trovarvi facilmente. Il vostro nome è infatti la più importante delle keyword di ricerca che avete a disposizione.
Poi potrete scrivere ciò che siete, che fate e usare questi termini come base per costruirvi la vostra bio. Dunque siete “musicisti”? Siete “blogger” molto influenti? Siete la “mamma” di 2 gemelli? Scrivetelo!
Infine scrivete un piccolo elemento personale, preferibilmente divertente, così che le persone possano trovarvi spassoso, interessante e soprattutto reale.
Altro piccolo consiglio: scegliete i colori adatti per personalizzare questo box, non siate esagerati e cercate di abbinarli al vostro sfondo.

2. Scegliete una foto che spacca

In rete c’è un gran dibattito su quale sia la miglior foto da utilizzare come immagine del profilo, anche delle guide su come creare quella perfetta con qualche piccolo trucchetto. L’indicazione principale, quella diciamo universalmente accettata, è che la foto deve essere la vostra faccia, con gli occhi che fissano l’obiettivo e magari anche un accenno di sorriso, giusto per non sembrare dei serial killer.

Sappiate comunque che anche se l’immagine del profilo su Twitter ha le misure di un quadrato di 48×48 pixel e che nello stream dei tweet è ancora più piccola, se qualcuno sarà incuriosito da voi cliccando sulla foto nel vostro profilo potrà vederla a dimensione originale. Quindi se caricate una foto dopo una non stop alcolica sperando che le occhiaie nella miniatura non siano tanto visibili state attenti!

3. Create uno sfondo personalizzato offrendo anche più informazioni

Se proprio non riuscite a convincere il mondo di quanto fantastici siete ma non ce la fate usando solo i 160 caratteri della biografia potete giocarvi la carta dello sfondo del vostro profilo.

Se siete abbastanza esperti potete personalizzarlo da soli facendovi la grafica e qualsiasi altra cosa volete, ma se avete bisogno di qualche aiuto potete avvalervi di alcuni servizi che aiutano a personalizzare lo sfondo di Twitter, aggiungendo anche un panello laterale dove, oltre ad estendere le vostre informazioni, potete inserire i link a tutti i vostri profili negli altri Social Network.

4. Usa sempre la sezione Web per inserire il link al tuo sito

Sfrutta la possibilità che ti offre Twitter di inserire il link al tuo sito. È l’unico posto in cui Twitter ti permette di inserire un URL completo, senza essere ridotto, ed è importante anche perché puoi così dire ancora di più su di te. Inoltre, appunto perché qui l’URL appare intero, è l’unica possibilità che hai di mostrare il tuo dominio personale che hai tanto meticolosamente scelto e pagato e che ti consentirà di farti identificare meglio da chi ti visita.

Se poi non hai un sito personale con tanto di dominio allora puoi comunque linkare il tuo profilo su un altro Social Network. Nessuno ti vieta di inserire il link al tuo Facebook. Oppure, ancora meglio, puoi iscriverti ad un servizio di blogging come Posterous o Tumblr e creare così una tua pagina con tanto di dominio personalizzato in pochi secondi e farne il tuo microsito.

5. Fai attenzione ai pochi ultimi tweet

Mentre un gran bel profilo può dirti molto di una persona, i suoi tweet sono chiaramente l’indicatore di quali contenuti puoi aspettarti da lui se decidi di seguirlo. Dunque sii consapevole che i tuoi pochi ultimi tweet che pubblichi sono ciò che vedrà chi capiterà sul tuo profilo per la prima volta e saranno questi ciò che faranno la differenza, che faranno decidere se vale la pena seguirti.

6. Usa le liste per mostrare al mondo i tuoi affascinanti interessi

Come sappiamo, Twitter è tutto basato sulla partecipazione e la condivisione e creare le liste può mostrare agli altri che hai tanti e affascinanti interessi oltre al pubblicare le tue cose. Le liste servono proprio a questo, a condividere più rapidamente i tuoi interessi oltre a dire ancora qualcosa in più su di te.

Non puoi vivere senza musica? Allora crea la tua lista con i tuoi musicisti preferiti. Lavori nel marketing? Inserisci la tua lista delle rockstar del marketing. Che le aree coperte dalle tue liste riguardino interessi personali o professionali potranno contribuire a costruire un’immagine di te più precisa.





Facebook is Now the Leading Publisher of Web Display Ads

20 05 2010
da pamorama di Pam Dyer

Thanks to steady traffic growth and an ad-friendly redesign, Facebook’s ad impressions took off in the first quarter of 2010. According to comScore, it’s now the leading publisher of display ads in the U.S., pulling ahead of long-time leader Yahoo. Data from comScore shows that Facebook served 176.3 billion ads to U.S. customers in Q1, which is 16.2% of the total market. Yahoo and Microsoft served 131.6 billion and 60.2 billion ads respectively.

An important fact to keep in mind is that Facebook isn’t monetizing these impressions at the same rate as its rivals, and that these stats demonstrate Facebook’s dominance only as a publisher. Microsoft and Yahoo serve ads on other sites through their ad networks — and, in fact, Microsoft delivers most of the ads that appear on Facebook. But this is a huge milestone for Facebook, and helps solidify its position as the largest destination on the Web. And Facebook’s ascent could help fuel the online advertising market, which shrank during the recession — as budgets have returned, display ads have recently rebounded strongly.

Facebook’s ad growth also reflects increased demand from both large and small advertisers, says comScore Chief Marketing Officer Linda Abraham. It “remains to be seen” whether its growth is coming at the expense of rivals,  she said. “The data has to play out over the next couple of months to definitely say that.”

chart of the day us display ad imoressions q1 2010 Facebook is Now  the Leading Publisher of Web Display Ads