Can You Live in the Burberry Ads, Too?… Marzorati Leaves NYT Mag…

30 06 2010
By Samantha Conti

Burberry Fall Winter 2010 – Ad Campaign Burberry Fall Winter 2010 – Ad Campaign Photo By Mario Testino courtesy of Burberry

CAN YOU LIVE IN THE ADS, TOO?: Burberry keeps pushing its digital frontier and now, taking inspiration from its 3-D runway show in February, the brand is launching a digital, interactive ad campaign that allows viewers to engage with models and merchandise. “I want anyone who sees the campaign not just to see images, but to feel a part of what we have created — connecting people through technology, music, the collections, the attitude and the emotion captured,” said Christopher Bailey, chief creative officer, adding that he saw the campaign as an extension of the brand’s latest show. Burberry’s go-to photographer, Mario Testino, shot the campaign at Pinewood film studios in London, and models include Rosie Huntington-Whiteley, actor Douglas Booth, and musicians Gwilym Gold, Rory Cottam and Samuel Fry. The campaign makes its debut today on burberry.com and on the brand’s pages on Facebook, YouTube and Twitter. It will break in the August issues of titles including Vogue and Vanity Fair and appear in a variety of online publications. At the click of a mouse, viewers can make a model pick up a bag, turn it and put it down again. They can do the same with trench collars, umbrellas and rain boots. The campaign is an extension of Burberry’s video look books, where models move around, walk on and off the set and “live” in the clothes. In the ad campaign, viewers also can spin models around 180 degrees to see every angle of a look and shop all the looks directly on burberry.com. The campaign also includes elements such as backgrounds and extra images of the models, as well as a video interview with Bailey. As for the bad news for all those magazine publishers out there: About 40 percent of Burberry’s ad spend is now in digital.





Le tre fasi dei social network in Italia

29 06 2010
By vincos.it

La storia dei social network nel nostro paese è stata caratterizzata essenzialmente da 3 fasi: il periodo dell’innamoramento per MySpace (correva l’anno 2007), l’interesse verso le “bridging communities” come Netlog e Badoo (in cui lo scopo prevalente è quello di fare nuove amicizie) guidato soprattutto dai teenagers (metà 2008), l’amore per Facebook (in crescita costante dal settembre 2008).

social network in italia - i follower di facebook

Dopo USA, UK, Turchia e Francia, l’Italia, con più di 16 milioni di iscritti, è il paese che vanta più iscritti al social network di Zuckerberg. A questo amore travolgente, le cui motivazioni sono difficili da delineare, si deve un processo di alfabetizzazione spontanea che ha compreso l’accettazione e la rapida diffusione di pratiche di condivisione per lungo tempo seguite solo dagli early adopters (che necessiterebbero di cautele che Sergio mette a fuoco).

Il social network in grado di scalzare Facebook dal podio non è ancora all’orizzonte per cui anche nel nostro paese si lotta per il secondo posto. Fino a dicembre 2009 il follower con più visitatori italiani era il belga Netlog, oggi superato dal cipriota Badoo. Dallo scorso mese MySpace ha riconquistato visitatori, ponendosi al terzo posto tra i social network più visitati dagli italiani. Twitter, che cresce molto lentamente, ora vanta poco più di 1 milione di visitatori mensili (il numero degli iscritti è ignoto). Ho la sensazione che dovremo aspettare un bel po’ prima di assistere ad una quarta fase.





What Do You Check First: Email or Facebook?

28 06 2010
By Jolie O’Dellmashable.com

Where you start your digital day says a lot about you, according to a new study from ExactTarget, and email and social media marketing company.

If you check email first, the company said, you tend to be more task-oriented and only interact with brands online when you need something, such as researching a deal, getting information about promotions or finding new product information.

However, if start your day with a visit to Facebook, you might welcome “extracurricular” content from brands, such as interaction and entertainment that isn’t directly related to a purchase or business transaction.

That’s not all the study explored:

  • More than 50% of U.S. online consumers check their email before visiting other websites when they start the day.
  • Facebook is the first destination for 11% of U.S. online consumers.
  • Of daily Facebook users, 69% “like” at least one company or brand.
  • 68% of daily Twitter users follow at least one brand on the service.
  • 43% of all American Internet users are either fans or followers of at least one brand on Twitter or Facebook.
  • Here are the coffee-and-bagels versions of the findings (click for full-size images):

    So, which kind of Internet (Internet) user are you: The kind who prefers email and just-the-facts interactions with companies, or the social media-happy brand fan? Or do you find yourself somewhere in between?





How the World Is Spending Its Time Online

25 06 2010

By Brenna Ehrlichmashable.com

So… whatcha doin’ over there on that laptop, denizens of the world? Well, according to a new study from Nielsen showing Internet usage in April 2010, 22% of the time, you’re engaging with social media.

Yeah, 22% might not seem like a mammoth percentage, but you have to take into account the fact that this finding is on a global scale. Also, a few more telling takeaways from the report:

  • Currently, three quarters of Internet (Internet) users worldwide visit a social network or blog when they go online — that’s a 24% increase over last year.
  • Joe Average (the international version) spends 66% more time on these sites than he did a year ago — for example, your average user spent 6 hours on these sites in April 2010, while last year he spent 3 hours, 31 minutes.
  • Facebook (Facebook), YouTube and Wikipedia (Wikipedia) make an appearance among the world’s most popular brands.

We’ve seen ample proof of the burgeoning popularity of social media in the past — just two months ago, Nielsen reported similar growth — and it makes sense. Facebook has been giving Google (Google) a run for its money when it comes to traffic, and YouTube (YouTube) recently surpassed two billion views per day.

We’ll have to see how social media usage shakes out as Facebook continues to accrue users, and YouTube dips its toe into the newsfeed business in an attempt to become a legit news source.

In the meantime, check out a few more highlights from the study:

  • Brazil boasts the largest percentage of Internet users visiting a social network –- 86%
  • Australians spend the most time on social networking sites: an average of 7 hours and 19 minutes in April — the U.S. and Italy came in second and third with six and a half hours each.
  • Facebook has the greatest share of the market in Italy in April 2010, garnering two-thirds of the active unique audience in April 2010. Australia (Australia), the U.S. and the UK came in on Italy’s heels with more than 60% of active users visiting the site.

How much time do you spend on social networking sites? Has your hunger for social media contributed to this global increase?





Social networks now more popular than search engines in the UK

24 06 2010
by Robin Goad

Social networks now receive more UK Internet visits than search engines. During May, social networks accounted for 11.88% of UK Internet visits and search engines accounted for 11.33%. May was the first ever month that social networks have been more popular than search engines in the UK.

UK_internet_visits_to_social_networks_search_engines_2010_2009_2008_2007_chart.png

Facebook accounts for 55% of all UK social networking visits, almost three times as many as the next most popular social network, YouTube. Twitter, one of the fastest growing and most talked about websites of the last two years, is now the third most popular social network in the UK, putting it ahead of former favourites such as Bebo and MySpace.

Top_10_social_networks_in_the_UK_facebook_youtube_twitter_bebo_myspace.png

However, despite its popularity Facebook doesn’t yet dominate the UK social networking market to the extent that Google dominates the search market. Together http://www.google.co.uk and http://www.google.com accounted for nine in every ten web searches carried out in the UK during May. Consequently Google UK was the most visited website in the UK during May, accounting for 9.29% of all visits. Facebook, in second place, accounted for 7.04% of all UK Internet visits during the same month.

Top_10_websites_in_the_UK_google_facebook_hotmail_youtube_ebay_msn_bbc_yahoo_2010_table.png

top_search_engines_in_the_UK_google_bing_microsoft_yahoo_ask_2010_table.png





Quanto vale un fan su Facebook?

23 06 2010
di Emanuela Pasino

Un pubblico ancora da scoprire quello dei social network. Le aziende possono scegliere di sopravvalutarlo o ignorarlo. In entrambi i casi un’opportunità di crescita per il proprio brand sarebbe persa.

Che i social network, Facebook in primis, possano dare una spinta innovatrice al marketing delle aziende è una tesi che si può dire dimostrata oltre che nota. Se la rete ha aperto alla reciprocità della relazione brand-consumatore, i social network sono in grado di amplificare questa vocazione esponenzialmente.

Si moltiplicano di conseguenza le analisi per misurare e approfondire il potenziale di tali strumenti. Non sempre infatti le aziende, o chi si occupa di comunicazione, ne hanno una conoscenza reale e sufficiente a fine di valutarne l’utilizzo e studiare strategie adeguate.

Syncapse ha, ad esempio, voluto capire il valore di un fan di Facebook. Non è il primo tentativo in tal senso, la cosa interessante è che il valore emerso, 71,84 dollari, indica non tanto il valore del fan (peraltro misurato nel report) quanto la misura della spesa aggiuntiva che un fan è disposto a sostenere per un determinato brand, in un anno, rispetto a un non-fan.

La società giustifica tale numero con dati interessanti. Un fan su Facebook di un marchio come Dove spende una media di 141,76 dollari l’anno, un non-fan ne spende 57,02. Un fan di McDonald’s spende 310,18 dollari l’anno contro i 150,39 dei non fan, Poi vi sono anche casi in cui la differenza è minore. Un fan di Xbox spende 173,34 dollari contro i 139,46 dei non-fan. Quindi non tutti i brand godono dei medesimi benefici da parte dei loro sostenitori su Facebook; qualche brand è riuscito a trovare una strada diversa per acquisire e fidelizzare i propri consumatori. Una constatazione, questa, che non dovrebbe stupire nessuno.

Lo studio [pdf] Syncapse non è l’unico che si è posto il problema di misurare quanto FB fa guadagnare ai brand. Vitrue, ad esempio, ha recentemente fatto lo stesso, partendo però da un’altra metrica. I 6,5 milioni di fans di Starbucks hanno – secondo la società di marketing – un valore di 23,4 milioni di dollari l’anno o 3,60 dollari per fan. Vitrue è giunta a tale conclusione calcolando che il rapporto tra impression e post sul wall sia 1:1 (0.96:1 per essere esatti). Da qui l’affermazione che un milione di Fan su una Facebook Page possono generare un milione di impression con un singolo post sul muro. Quindi una media di 2 post al giorno possono generare 60 milioni di impression al mese.

Nessuno dei due studi ha un valore assoluto ed è lo stesso CEO di Syncapse a sottolineare come l’obiettivo dell’analisi fatta sia stimolare i marketers e le aziende a valutare in prospettiva quale potrebbe essere il valore di un pubblico come quello presente sui social network.

Spesso infatti anche se i nuovi media attraggono investimenti maggiori, le strategie di presenza sulla rete restano ancorate a modelli tradizionali che vengono semplicemente adattati. Invece ogni strumento andrebbe sfruttato al meglio in base alla sua maggiore efficacia.

Nel caso dei social media entrambe le analisi citate sembrano puntare sulla fidelizzazione. Tenendo sempre a mente che Facebook e compagni non hanno inventato nulla, ma affinato quanto già presente concettualmente nell’idea stessa di rete, è evidente che si tratti di luoghi in cui un consumatore può essere maggiormente propenso a dimostrare – e anche accrescere – l’affezione a un marchio o a un prodotto.

Se quindi nella vita di ciascuno è normale condividere opinioni e giudizi su servizi e prodotti utilizzati in prima persona o da persone vicine, strumenti che consentono una “chiacchierata globale” diventano veicolo per un passaparola di dimensione crescente. Ma non è necessariamente vero che tale potenziale debba essere sfruttato ad ogni costo da tutti. Lo studio Syncapse fa riflettere in tal senso. I marchi analizzati sono tutti decisamente noti a livello globale. Nonostante questo la variabilità della differenza di spesa, di fedeltà e di propensione al consiglio verso terzi è estremamente variabile. Una lettura possibile è che tale differenza sia dettata non dalla gestione della presenza su Facebook, ma dalla gestione globale del brand, social network compreso.

E proprio tale visione globale dovrebbe guidare i marchi noti e non solo. Affacciarsi a un social media come Facebook (che è il più popolare in Italia) implica uno sforzo strategico e di risorse, ma offre il grande vantaggio di poter comprendere meglio il proprio target. Consente anche, a costi decisamente contenuti, di sperimentare e ricevere preziose indicazioni su prodotti, servizi e iniziative per i consumatori.

Il valore in euro di un singolo fan su Facebook è forse una speculazione che tale deve restare, ma il valore aggiunto di tale pubblico per un’azienda è invece una certezza.





La mappa dei social network nel mondo (giugno 2010)

22 06 2010

By vincos.it

Sei mesi dopo l’ultimo aggiornamento e a distanza di un anno dalla prima realizzazione, ho deciso di verificare nuovamente la situazione dei social network nel mondo.

wmsn-01-10

La marcia di Facebook verso la conquista di nuovi territori non accenna a fermarsi (sono 111 su 131 le nazioni in cui risulta dominante). In questi mesi ha avuto la meglio su reti sociali locali che sembravano difficili da scavalcare come Friendster nelle Filippine, Wretch a Taiwan, One in Lituania o Hi5 in Portogallo, Peru, Romania, Tailandia.

Ad Orkut ha strappato l’Estonia e forse l’India (qui i dati sono incerti in quanto Alexa vede Facebook in testa, mentre Google Trends for Websites mostra un testa a testa, con una leggera prevalenza del social network di Google. Un’occhiata alle parole più ricercate in quella nazione mostra un interesse molto forte verso la creatura di Zuckerberg, che nei prossimi mesi potrebbe avere la meglio).

I paesi che resistono sono quelli dell’ex Unione Sovietica, affezionati a Odnoklassniki e V Kontakte, e in Europa l’Ungheria, la Polonia e l’Olanda.

Per alcune nazioni ho provato ad analizzare anche i follower di Facebook ed ho scoperto che, a distanza di un anno, Twitter ha iniziato ad avere la meglio su MySpace (in Australia e Canada) e su Bebo (in UK). In alcuni casi al terzo posto si affaccia lentamente anche Linkedin.

top 3 social networking sites per country