Social media ed E-Commerce

27 07 2011
by Gabriele Taviani

Il commercio elettronico rappresenta la versione online dei punti vendita per aziende di produzione e/o distribuzione prodotti e servizi. Si rivolge al mercato dei consumatori (B2C) e a quello dei rivenditori (B2B). L’eCommerce ha senso di vivere soltanto se abbinato a una politica di web marketing atta a presentare le offerte online e a veicolare utenti internet verso la vetrina del negozio. In una buona strategia di ecommerce la realizzazione del sito di vendita con il suo mantenimento rappresenta il 20% dell’investimento. Il restante 80% è rappresentato dalle politiche di marketing e promozione.

Negli ultimi 12 mesi i principali social network si sono arricchendo di strumenti di business, cioè in grado di consentire alle società e agenzie di pubblicità di veicolare messaggi promozionali verso il grande numero di visitatori e utilizzatori dei media. Questi rappresentano la forma più standard per usare i social media come canale pubblicitario atti a portare utenti verso l’ecommerce per mezzo di campagne pubblicitarie. Facebook offre uno strumento di payperclick simile a Google Adwords con in più alcuni gadget come la possibilità di inserire una immagine e la profilazione del gruppo di utenza su cui veicolare le campagne.
e-commerce-website-development
Ma la grande forza dei media sociali per il commercio elettronico è rappresentata dalla capacità che hanno di coinvolgere e convincere gli utenti aderenti ai gruppi, nell’acquisto di prodotti e servizi online abbattendo in un colpo solo tutte le perplessità anche degli utenti più ostici agli acquisti online.

Per comprenderne il perche, dobbiamo analizzare il flusso decisionale di un acquirente online tipo rappresentato nella catena comportamentale di seguito rappresentata:

1) Il primo anello rappresenta la ricerca di informazioni. L’utente usa internet e soprattutto i motori di ricerca e i comparatori di prezzo per cercare informazioni e offerte del prodotto o servizio di interesse. In questo anello i social media rappresentano una fonte di informazione non controllata, cioè sviluppata da altri appartenenti al network che già hanno acquistato il prodotto/servizio e hanno pubblicato il loro parere;

2) Il secondo anello e rappresentato dalla comparazione delle offerte di vendita. Qui la fanno da padrone i comparatori di prezzo, ma anche i social network sono impostanti con i commenti degli utenti già utilizzatori dei prodotti. Certamente un utente il quale vede pareri positivi sulla vostra offerta predilige acquistare il vostro prodotto. Attenzione ai pareri negativi che possono influire molto sulle decisioni di acquisto.

3) Acquisto del prodotto. Questo anello e’ rappresentato dai sistemi di ecommerce, ma anche qui i commenti integrati nella scheda prodotto e pubblicati nei social network (integrazione web 2.0) possono influire sui tassi di uscita nei vari step di vendita online: carrello, pagamenti online, etc.

4) e 5) Successivamente all’acquisto sono i social network a rappresentare gli strumenti online chiave per la fidelizzazione dei clienti, al fine di portarli ad acquistare altri prodotti/servizi o a influire sulle decisioni di acquisto di altri utenti per mezzo delle discussioni e dei commenti.

I media sociali rappresentano lo strumento più usabile di CRM (Customer Relationship Management) per le imprese. Infatti sino all’avvento dei social media fare CRM era complicato e molto costoso, si andavano a creare strumenti che poi gli utenti finali non usavano.

In Conclusione, i social media e l’ecommerce sono destinati a compiere molta strada insieme. Le aziende di eCommerce hanno nei media sociali uno strumento importantissimo al fine di comprendere l’accettazione da parte dei consumatori, dei prodotti venduti sia online che offline. Agenzie specializzate ed il sottoscritto, offrono speciali servizi di consulenza definiti “Buzz Marketing” i quali coinvolgono un gruppo di bloggers, al fine di testare i nuovi prodotti, creare commenti/recensioni e stimolare le discussioni tra gli utenti dei gruppi: Blogs e Fans dei social media. Tali servizi determinano la reputazione reale del brand o dei prodotti e creano interesse sul lancio di novità veicolando interessati verso eventi di presentazione e vendita.





The Fuss About Google+ (Plus)

25 07 2011
By Sheldon Levine

Just over two weeks ago the world found out just exactly what Google’s secret social media project is with the debut of Google+. Some have said it’s the Facebook killer, some said it will replace Twitter, a bunch of others can’t figure out what to make of it or how exactly to use it and even more are still waiting for their chance to get invited into it. One thing’s for sure though, people are talking about Google+.

For today’s post I thought it would be interesting to look at just how much talk is going on and what is being said about Google+ using MAP, our social media monitoring and analytics platform. In 15 days since Google+’s world debut on June 28th we found almost 107,000 blog posts, 30,000 online news articles, 153,000 forum posts and 1.9 million tweets about the new social network.

That’s quite impressive numbers seeing as there was absolutely no talk of Google+ by name before June 28th. As you can see from our popularity chart below there was a huge spike the day and day after the announcement. Talk then dropped off for a few days, but seemed to pick up again as more people were able to be invited and gain access to the service.

More interesting are the words I found being associated with Google+ as people talk about it through social channels. Right in the center of our buzzgraph two main topics seem to jump out. The first is obvious as it’s about some of the features of Google+ like “hangout,” “circles” and  even “invite” as people seem to be dying to get invited for their chance to try the new social network out. The second topic I really notice is the comparisons being made between Google+ and other already established social networks like “Facebook” and “Twitter.”

While some people are completely in love with Google+ and others are trying to understand how to really make use of the network, a look at our overall sentiment shows that most things being said across all mediums are still of a positive nature. With only 15% of all talk being negative we can give Google+ at 85% favourable rating.

If you’re one of those people deep entrenched in the world of social media it may seem like Google+ is all anyone can talk about these days. However, I decided to compare talk of Google+ along side the two other social media giants, Facebook and Twitter, and found that Google+ isn’t being talked about nearly as much as either of them. In fact, Facebook is being mentioned over twice as much as Google+ and Twitter is being mentioned almost three times as much.

While it may seem to some that Google+ is all that’s being talked about in social media right now, it’s actually far from the truth. Perhaps it may pick up more as brands and more people are allowed to enter the network though.





Moschino employs new branded channels to promote mobile efforts

22 07 2011
by luxurydaily.com
 
Moschino's mobile site

Moschino’s mobile site

Italian designer Moschino is continuing its goal to reach the current on-the-go consumer with a newly-released mobile site that the brand is pushing through its recently-created Twitter account.

The Moschino mobile site allows consumers to browse runway looks and watch videos, as well as share their branded activities with friends via social media. The brand only recently joined the Twitter fashion scene this past June and is using the medium as one of the primary ways to share the news.

“It has become an absolute expectation for consumers, especially luxury brand shoppers, that the brands they engage with via a smartphone have a mobile-optimized site and a rich app,” said Dan Lowden, vice president of marketing for Digby, Austin, TX.

“Luxury consumers want to have rich and engaging experiences across all channels of a luxury brand so the mobile site has to fulfill that same brand experience,” he said.

Mr. Lowden is not affiliated with Moschino, but agreed to comment as a third-party expert.

Uniform growth
The Moschino mobile site contains many of the same features as its Flash, full-screen Web site.

The new site is optimized for the iPad and iPhone, as well as most other smartphones.

Consumers can flip through the Fall/Winter collections of the Moschino, Moschino Cheap and Chic and Moschino Love advertising campaigns.

Shoppers can go further into the collections by watching the runway shows or flipping through the fashion show images on their mobile devices.

Images from Moschino's Fall 2011 campaign on the mobile site

Images from Moschino’s Fall 2011 campaign on the mobile site

Accessories from each collection provide another image lookbook for mobile users.

Moschino also offers branded content on its mobile site under the “What’s New” section.

There, brand enthusiasts can read editorials, view various Moschino window displays, glance through previous fashion show invitations and see the new interactive projects that Moschino is hosting.

Moschino’s new projects include Moschino pets, bow-how shoes and homeware, which users can flip through on the mobile site.

On the top of every image are options to share via Facebook, Twitter and email.

In addition, the homepage of the mobile site also features a contact section with tabs for Facebook, Twitter, newsletter subscription and an email contact.

Moschino's email blast alerted newsletter subscribers

Moschino’s email blast

More shine
Moschino created the site after it realized that the mobile market is growing at an exponential rate, and this brings everyone to focus on the Moschino Web brand awareness development, per Moschino.

The brand sent out an email to its newsletter subscribers informing them of the new Web site and allowing them to click-through if they had read the email on a mobile device.

Tweets and Retweets about mobile for Moschino

Tweets and Retweets about mobile for Moschino

The mobile site is a smart move for the brand as it continues to update its offerings to target tech-savvy consumers. The new mobile site is most likely going to increase sales for the brand, per Digby’s Mr. Lowden.

“The greater engagement with customers through a mobile-optimized experience or rich app can drive sales, customer loyalty and unearth deep analytics about consumer buying preferences so the luxury brand can serve customers better,” he said.

However, Moschino should consider adding a few features, such as a search bar to help them navigate quickly to fully optimize the brand’s mobile potential, per Mr. Lowden.

“It is a beautiful site, but incorporating a mobile-optimized commerce aspect to the mobile site would make it easy for luxury customers to purchase directly from their smartphone,” Mr. Lowden said.

“Including a store finder would also help them find the closest store, driving in-store purchases,” he said.





What Are Your Most Important Social Metrics?

20 07 2011
By Mark Evans

How do companies measure their success with social media? What are the best metrics to use?

It would be great if there was an easy answer but the reality is measurement is not a one-size-fits-all proposition. It means each company could have a different set of metrics to assess the performance of their social media programs.

So how do companies select the right metrics? It really depends on its goals and objectives, which, of course, could vary.

Some companies, for example, will be focused on attracting more sales. As a result, the most important metrics could be Web site traffic that generate sales or leads. Other companies may be looking to improve their customer service or solicit feedback to support new product development. This would put the spotlight on metrics such as engagement, conversations and ideas.

The most important consideration is establishing goals and the most relevant metrics when a social media strategic and tactical plan is being created. This provides a benchmark that can be measured against going forward.

For companies that have already embraced social media, they need to examine whether the metrics being used are relevant (if they are, in fact, using metrics) or whether a new set of metrics have to be established.

Once a company has decided on metrics, it becomes important to measure against them on a regular basis. This will, hopefully, provide a company with a good indication of what’s happening, or it will show that maybe the wrong metrics are being used or a new set of metrics needs to be developed to reflect a change in a company’s strategic direction.





B2B Web Marketing Guida 2011

19 07 2011

infografica da kissmetrics

I fondamentali sono sempre li, anche nel web marketing B2B: SEO; PPC (che i meno attenti chiamano search marketing, e che include anche advertising Display); email marketing; ROI Analysis… ma con maggiora attenzione a… contenuti contenuti contenuti in ogni dove e in ogni forma.

 





Perché le persone seguono i brand su Facebook e Twitter?

14 07 2011
By Michele Polico

Perché le persone seguono i brand

Poche settimane fa Get Satisfaction e Column Five hanno pubblicato una infografica sulle motivazioni per cui le persone seguono i brand su Facebook e Twitter. In questa serie di grafici si nota che ben 4 persone su 10 pongono al primo posto per importanza l’interesse verso offerte e sconti speciali, dando molta meno importanza alla riprova sociale, al customer care o all’interesse verso informazioni sui prodotti.

Ma cosa significa questo dato?

Innanzitutto, che se vogliamo che le persone siano nostri fan su Facebook o ci seguano su Twitter dobbiamo destinare a questi canali delle offerte e degli sconti.

Poi – e cosa forse più importante – che i social media sono a tutti gli effetti canali di vendita, oltre che di conversazione e relazione. Questo nonostante molti dicano il contrario.

Chiaramente, se offrire sconti ai nostri fan è una ottima strategia per mantenerli fedeli verso la pagina e incentivare nuove persone a seguirci, è fondamentale che la modalità con cui i fan reperiscono lo sconto sia tale da consentirci di ottenere i nostri obiettivi, quantitativi o qualitativi che siano.

Se per esempio vogliamo comunicare un nuovo prodotto, potremmo fare in modo che lo sconto sia reperibile soltanto a chi ne twitta (pay with a tweet) o lo condivide su Facebook (pay with a share). Se vogliamo aumentare la nostra visibilità e il numero dei fan tramite uno sconto, potremo dare vita a una modalità che incentivi il like, come per esempio uno sconto proporzionale al numero dei like ricevuti dai prodotti.

E ancora, possiamo chiedere ai fan di compiere le azioni più diverse per ottenere il fatidico sconto. Di questo parleremo in un post dedicato.

E’ chiaro però che se gli sconti e i giveaway sono un forte interesse dei nostri fan, non possiamo tralasciare aspetti secondari ma comunque importanti. Il fatto che solo un utente su cinque consideri importanti i contenuti che la pagina business veicola non significa che non sia fondamentale per il successo sui social media progettare e pianificare la conversazione e i contenuti: sono questi che influiscono sull’Edgerank che determina poi anche la visibilità di post più “commerciali”, e inoltre influisce sulla fidelizzazione e sullo spreading naturale della pagina fan.

Ancora, il fatto che solo il 5% degli utenti di Facebook consideri importante che l’azienda o il brand forniscano ai fan assistenza e supporto non significa che l’azienda non debba mettere in moto meccanismi di social customer care: è proprio infatti quella piccola percentuale di persone che può influire negativamente sulla reputazione dell’azienda, essendo una fascia di utenti più attiva e consapevole, e pronta ad attaccare il brand su Facebook come in questo recente post pubblicato da un utente sulla fan page di Poste Italiane prima, e su Google+ poi.

In definitiva, progettare la Facebook Strategy significa comprendere gli interessi dei propri fan e saperli mixare nel modo corretto.

Per chi fosse interessato, ecco l’intera infografica.

Brand su Facebook





Della Valle contro Armani

6 07 2011
By E.Poli e S.Marchetti
A una conferenza sul lusso, l’imprenditore marchigiano si scaglia contro lo stilista milanese. Dichiarando che la moda, oggi, ha bisogno di fare squadra. E di investire sul territorio per rilanciare i consumi.

Diego Della Valle si scaglia contro Giorgio Armani. Succede alla conferenza “Terzo Luxury Summit”, tavola rotonda sulle nuove strategie del mercato del lusso indetta dal Gruppo Venitquattrore, dove l’imprenditore marchigiano ha risposto all’exploit dello stilista milanese che, la settimana scorsa, aveva accusato la moda di essere in mano alle banche, riferendosi soprattutto alla recente quotazione del Gruppo Prada alla borsa di Hong Kong.

“È stato un attacco ingiusto e mosso nel momento più sbagliato”, ha dichiarato Della Valle, “piuttosto che criticare le strategie di Prada, Armani dovrebbe imparare a fare come il Gruppo in mano a Patrizio Bertelli e Miuccia Prada, ovvero investire sul territorio, come ho fatto anch’io a Roma, contribuendo al restauro del Colosseo. In un momento di crisi dei consumi, soprattutto sul territorio nazionale, è importante fare squadra e investire in opere pubbliche. Perché Armani non lo fa? La moda e le grandi aziende ad essa collegate hanno il compito di dare un segnale preciso, non si devono perdere in invettive inutili”.
Poi, analizzando il panorama del Made in Italy, continua: “Oggi ci troviamo di fronte a un grande cambiamento nel mercato del lusso. Dobbiamo smetterla di cadere vittime degli individualismi. Al contrario, bisogna imparare dai grandi gruppi stranieri che fanno squadra e creano agglomeratidi marchi e di aziende in grado di competere con le altre realtà internazionali.

Basta parlare di sé e basta sparare sugli altri: per salvaguardare anche i piccoli artigiani, cuore del Made in Italy e anima del lusso italiano, bisogna pensare in grande. Altrimenti verremo soppiantati dai nuovi competitors. Il lusso va nutrito, va trattato bene, va curato e salvaguardato. Persino su internet, dove oggi si può comprare tutto. I consumatori di oggi e quelli di domani vorranno etichette con scritto Made in Italy, non Made in China”.
Alle dichiarazioni di Della Valle fa eco anche un altro grande imprenditore italiano, Renzo Rosso, patron di Diesel nonché di un polo industriale che produce moltissimi marchi di moda. “Ho una visione diversa da Diego rispetto al lusso, termine che non mi piace, soprattutto perché la mia azienda si rivolge ai giovani. Però concordo con lui sull’idea di proteggere la qualità e l’eccellenza del Made in Italy e di investire sul territorio. Queste sono le carte che ci faranno vincere le sfide di domani”.