E-commerce: piattaforma lenta? Dopo 3 secondi l’utente se ne va…

4 10 2013

by http://www.techeconomy.it

Per l’ il tempo è denaro. A quantificarne il peso è Borland, società di proprietà della MicroFocus, che analizza la quantità di tempo che gli utenti trascorrono sui siti di vendite online con uno specifico tool. Lo Silk Performer, questo il suo nome, analizza i tempi di risposta dei siti e dei clienti in modo da sapere quanto tempo impiega una pagina dell’e-commerce a proporre informazioni all’utente e quanto quest’ultimo è disposto ad aspettare la risposta prima di lasciare la pagina.

Da un’analisi condotta nel trascorso periodo natalizio, emerge come qualsiasi ritardo della pagina web nella risposta all’utente influisca pesantemente sull’abbandono della  consultazione e sulla possibilità di farvi ancora ritorno.

Nello specifico, secondo , un solo secondo di ritardo della piattaforma e-commerce genera l’11% in meno di pagine visitate; il 16% di riduzione nella costumer satisfaction; il 7% in meno di conversione della visita in acquisto. Tipicamente, i clienti attendono i tempi di risposta entro due secondi, mentre il 40% preferisce abbandonare la pagina dopo l’attesa di 3 secondi.

A prescindere dal dispositivo utilizzato, il dato meno incoraggiante per le piattaforme e-commerce è che l’88% dei consumatori che hanno abbandonato le pagine web, non vi fanno più ritorno per concedere una seconda occasione. Anche sul fronte mobile il dato è pesante: il 74% degli utenti abbandona il sito dopo aver atteso cinque secondi.

Secondo questi calcoli, quindi, Amazon, per ogni secondo perso, perderebbe più di 1,6 miliardi di dollari l’anno.

Giuseppe Gigante, regional marketing manager di  ha dichiarato: “è ora dimostrabile dati alla mano, che gli utenti online perdono facilmente la pazienza quando non ricevono risposte adeguate e veloci. Molti siti di e-commerce hanno perso opportunità di guadagno, a causa degli alti livelli di traffico, proprio nei periodi migliori, e proprio a causa del ritardo nel caricamento delle pagine”.

Non mancano alcuni esempi italiani. Nel periodo natalizio, Expedia.it ha fatto registrare attese di risposta di 10 secondi nei peak time (rispetto ai 6 secondi abituali), mentre Mondadori.it è arrivata a far attendere i suoi ipotetici consumatori per un tempo di 17 secondi (più del triplo rispetto ai normali tempi di attesa).

“I siti retail devono necessariamente affrontare il problema dell’impatto dei tempi di attesa in periodi di sovraffollamento” prosegue Gigante “L’e-commerce sta crescendo e l’utilizzo di smartphone è in aumento in tutto il mondo. I dati rilasciati a dicembre 2012 da Mobile Lens dimostrano che in Italia la penetrazione dell’utilizzo di smartphone ha raggiunto il 51,2% e che l’82% di loro ha utilizzato il proprio dispositivo per cercare un prodotto o un servizio, secondo dati  Our Mobile Planet Italia. La sopravvivenza dei brand dipende ormai da una forte presenza su differenti canali, e le promozioni online sono una grande opportunità per catturare nuovi clienti. Una reazione inadeguata del sito riduce i guadagni e danneggia la brand reputation”.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: